MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LA RICERCA DI UN CUOCO PER ESPERIENZA IN RISTORANTE IN GIAPPONE

 

SUSHI

L' Amministrazione Comunale di Certaldo in collaborazione con l'Associazione Per la Promozione degli Scambi Interculturali di Certaldo, nell’ambito del gemellaggio con la Città di Kanramachi in Giappone, propone un progetto finalizzato allo scambio culturale in ambito di cucina italo/giapponese.

Vista la richiesta giunta dal comune Giapponese, cerchiamo un cuoco che possa trasmettere le basi della cucina toscana al Ristorante Pretorio, inaugurato a Kanra la scorsa primavera. Durante il periodo di permanenza in Giappone (nella prima parte dell’anno 2020; il periodo preciso è ancora da definirsi), il cuoco di Certaldo potrà apprendere le basi della cucina giapponese.

Nel caso in cui foste interessati, troverete il bando ed il modulo di adesione qui in basso

 

Avviso Pubblico

Manifestazione di Interesse

IL GIAPPONE PREMIA CERTALDO PER IL CONTRIBUTO ALLA CRESCITA

 

certaldo kanramachi 60 anni gemellaggio 2019 11 04 2Si stanno svolgendo in queste ore a Kanramachi le celebrazioni per i 60 anni della costituzione del Comune giapponese, gemellato con Certaldo fin dal 1983. E proprio in virtù di questo lungo gemellaggio, che dura da ben 36 anni, il sindaco Giacomo Cucini, il consigliere con delega ai gemellaggi Lido Orsi, e l’Associazione per gli scambi interculturali, sono stati menzionati nel premio ricevuto oggi dalla municipalità di Kanramachi, dalle mani del sindaco Shoici Shigehara: un attestato di ringraziamento per il contributo dato alla crescita culturale della città. Nella delegazione che ha ricevuto il premio anche l’assessore Jacopo Masini.

Un contributo che in questi 36 anni si è concretizzato nelle decine di scambi di delegazioni, negli scambi di mostre e progetti culturali, nell’apertura di canali di commercializzazione di prodotti tipici. Ma a testimonianza dell’influenza e del fascino che Certaldo e la cultura italiana suscitano in Giappone, ci sono anche aspetti del costume e dei consumi locali: sul territorio esistono ad esempio un ristorante – quello dove la delegazione italiana è stata accolta – che si chiama “Ristorante Pretorio” in omaggio a Certaldo, una pizzeria il cui personale si è formato proprio a Certaldo, una rivendita di prodotti tipici che commercializza prodotti tipici di aziende di Certaldo.

L’incontro di questi giorni è servito anche a definire i dettagli dello scambio di delegazioni dei giovani, un gruppo di certaldesi di età compresa tra i 14 ed i 17 anni che avranno la possibilità di ospitare i loro coetanei giapponesi ed essere poi successivamente ospitati a loro volta in Giappone nel prossimo mese di agosto.

“Siamo onorati di aver ricevuto un riconoscimento che Kanramachi, che compie 60 anni, ha voluto dare a tutti gli enti, le persone e le realtà che hanno contribuito a migliorarla e svilupparla in questi decenni – ha detto il sindaco Giacomo Cucini – anche Certaldo è fra questi e per noi è un onore ricevere questo premio, con la consapevolezza che la gratitudine e la riconoscenza sono reciproche. Come ogni volta che veniamo qua, abbiamo potuto anche stavolta incontrare tanti cittadini impegnati e entusiasti della propria terra e del rapporto con Certaldo, vedere una bellissima accoglienza e un’amicizia che si consolida. Insieme a noi erano inoltre presenti anche i delegati cinesi di Harbin, città amica di Kanramachi, e l’ambasciatore del Nicaragua, i cui atleti verranno ospitati da Kanramachi per le olimpiadi di Tokyo 2020, a testimonianza della vitalità internazionale di questo comune col quale ci onoriamo di essere gemellati”.

 

Fonte: Comune di Certaldo - Ufficio Stampa

GLI AMBASCIATORI DI PACE SAHARAWI NUOVAMENTE IN VISITA A CERTALDO

 

certaldo saharawi2019

Sono ben 35 anni che il Comune di Certaldo ospita ed accoglie i bambini provenienti dal Sahara Occidentale. Dieci bambini di circa dieci anni di età, con un accompagnatore adulto, che arrivati ieri - erano ospiti di Fucecchio nei giorni precedenti - resteranno a Certaldo, alloggiati presso la scuola elementare Iqbal Masih del centro urbano, fino al 1 agosto.

 

In Comune sono stati salutati dal sindaco Giacomo Cucini, dall’assessore alla Pace e cooperazione Benedetta Bagni, e da alcuni rappresentanti delle varie Associazioni che anche quest’anno si occupano e prendono cura dei piccoli “ambasciatori” saharawi. È dal 1975 che il popolo del Sahara Occidentale subisce l’occupazione del Marocco ed è costretta ad una situazione di divisione forzata: una parte della popolazione vive in campi profughi nel deserto vicino al confine algerino, nei pressi di Tindouf – è questo il caso che riguarda la delegazione di bambini accolti a Certaldo – un’altra parte nei territori liberati della Repubblica Araba Democratica Saharawi (RASD) e il resto della popolazione vive nei territori del Sahara Occidentale occupati illegalmente dal Marocco. Nel 2018 il Comune di Certaldo ha anche conferito la cittadinanza onoraria al popolo Saharawi.

 

«Sono con noi da poche ore ma già sentiamo che il contatto con loro è qualcosa di unico – ha detto l’assessore Benedetta Bagni - tenendoli per mano ci trasmettono tutta la gioia e l’emozione che si portano dentro. Bambini che qui, finalmente, possono vivere con pienezza e spensieratezza, giocare, divertirsi, fare un tuffo in piscina, tante cose ed attività che nel loro Paese non sono ancora possibili. Per questo i bambini e questi bambini in particolare sono ambasciatori di pace, perchè l’impegno per la pace vuol dire garantire ad ogni bambino di vivere un’esistenza serena e felice in ogni parte del mondo».

 

Un’emozione grande quella che accompagna questi bambini unita ad una gratitudine verso chi li accoglie, come ha testimoniato Mahmoud, l’accompagnatore del gruppo, che ha raccontato con un aneddoto tutta l’emozione e la sorpresa di questi bambini nel fare il loro primo tuffo in una piscina pubblica, una cosa che non avevano mai fatto finora.

 

E stasera alle ore 21,15 al Parco di Canonica ci sarà un incontro pubblico con foto e video per raccontare ai certaldesi la realtà di questo popolo.

Dal Comune di Certaldo un ringraziamento ad Hurria e alle tante Associazioni di Certaldo grazie alla cui disponibilità ed impegno è possibile ogni anno questo progetto di accoglienza.

Fonte: www.valdelsa.net

"Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy"